Cerca nel blog

domenica 18 gennaio 2009

Atalanta-Inter 3-1: caro Moratti, serve Freud!


Cos’è che ti toglie il sonno, ti fa star male, ti impedisce di vivere bene? Il brutto pensiero. Nel caso dell’Inter, quel pensiero fisso si chiama Manchester United: vedi qui. Come nelle stagioni passate, quando arriva il momento più importante, ossia il match clou di Champions, l’Inter ha un crollo psicofisico. Perché c’è il pensiero che angoscia.

Proprio per dare carattere e forza all’Inter, proprio per darle una dimensione europea, per renderla equilibrata e matura, credo che Moratti abbia mandato via Roberto Mancini scegliendo Mourinho. Ma il problema è che l’Inter diventa psicolabile quando sente profumo di grande scontro in Champions. Figuriamoci poi se il pensiero si chiama Manchester United, che è di gran lunga la squadra più forte del mondo (più ancora del Barcellona).

Senza dimenticare che il compito di Mourinho è tremendamente difficile, giacché ha una rosa che non vale più di sette: vedi qui. Di certo, è inferiore a quella di quasi tutte le altre grandi d’Europa. Avete infatti presente Obinna che, solo davanti alla porta, con Ibra a destra, calcia alto oggi contro l’Atalanta? Ecco, il tasso tecnico dei nerazzurri non è eccelso. Ho grossi dubbi che possano reggere per tre gare a settimana, coppa Italia inclusa.

Il primo sintomo del pensiero che fa male e disturba lo si è visto contro il Cagliari (1-1 in casa). Oggi un Atalanta-Inter 3-1 bugiardo: doveva finire con sei gol di scarto.

A Mourinho l’onore di un lavoraccio: far stendere i giocatori dell’Inter per psicanalizzarli in vista del Manchester. Ci vuole un Freud con i controcoglioni. Roba da far ammattire il dottore stesso: ricordate la crisi di Roberto Mancini dopo Inter-Liverpool? D’altronde, il portoghese è pagato profumatamente per quello.

[foto via flickr.com/photos/onefromrome]

[post aggiornato dopo la prima pubblicazione]

11 commenti:

  1. Ma non era lei che sperticava di lodi questa squadraccia? Verso dicembre ricordo addirittura dei paragoni ASSURDI con squadre del passato ben più forti. La verità è che se l'anno scorso ci fosse stata equità invece del regalo per il centenario, a quest'ora l'Inter avrebbe in mano solo lo scudetto del 2007(quello, per intenderci, che poteva solo perdere in quanto giocava da sola o quasi)e non voglio neppure parlare del cartone del 2006...Oggi, con questa storica figuraccia ha dimostrato di avere una rosa mediocre che si trova lì solo perchè le altre sono in caduta libera. Il campionato è si equilibrato, ma di livello assai basso. Il mio Milan(che purtroppo è assai diverso da quello del lustro 2002-2007, cioè quando era la migliore d'europa insieme al Barca)nonostante i problemi e un mercato discutibile è a 6 punti ed ha vinto lo scontro diretto. Per non parlare della Juve, che seppure società di grande prestigio, due anni fa era in B ed oggi è (forse) ad un punto. In soldoni voglio dire che quest'Inter contro il primo Milan di Ancelotti e l'ultima Juve di Capello non avrebbe potuto nulla. Altro che Milan di Sacchi e bestialità simili. Ormai la pacchia per Moratti è finita(spero abbia baciato i piedi di Giudo Rossi per questi 2 anni di gloria...)

    RispondiElimina
  2. Gentile Anonimo, confermo: i paragoni con le squadre del passato ci stavano tutti. Così era nel momento in cui li facevo. Adesso le cose sono cambiate. Vediamo se nei prossimi mesi le cose cambieranno ancora. Respingo invece la sua idea sull'Inter (non è una squdraccia: lei è un tantinello esagerato) e su Moratti (non ha ricevuto regali, anzi mi pare che nel conto totale gli manchi qualche vittoria in passato). Lei mi pare un po' di parte... L'Inter ha vinto due splendidi scudetti sul campo. Può arrivare a un poker storico, includendo quello a tavolino. I conti si fanno alla fine: l'Inter è nelle mani di Freud-Mourinho.

    RispondiElimina
  3. Per anonimo...Il suo Milan, secondo me, ha vinto la sua 7a champions league (onore a voi!) senza sapere come.Altrimenti si contraddici quando dice che abbiamo vinto lo scudetto del 2007 senza avversari...Aveva una squadra che, in campionato, è arrivata decine di punti dietro la ''squadraccia'' di cui parla ...Morale:fermo restando le straordinarie prestazioni in 2-3 partite di champions - eh si ne bastano cosi poche per vincerla, al contario del campionato - nel 2007 il Milan non era certo una delle due squadre piu forti e nel 2007 non lo era piu neanche il Barcellona...Poi, non parliamo di arbitri perchè altrimenti il ''suo milan'' non sarebbe a 6 punti dall'Inter quest'anno, ma qualcuno in piu'!

    Sono d'accordo se mi dice che per fare dei paragoni con squadre storiche ci voglia una consacrazione europea che fin'ora non è arrivata e non arriverà molto probabilmente anche quest'anno!

    La battuta su Moratti...vabbè...Parlano i giudici...

    Sono d'accordo con Alessandro Ascione sul fatto che la rosa dell'Inter sia sopravvalutata...Ancora qualcuno parla della possibilità di poter schierare due squadre competitive da parte dell'Inter,tanto è forte la sua rosa!!

    Ma se non c'è un difensore degno di sostituire i due titolari!!!

    Come fa burdisso a giocare ancora a questi livelli...posso capire che si impegni negli allenamenti,che sia un bravo ragazzo,ecc..ma è impresentabile.Ogni sua partita si chiude con una sconfitta dell'Inter,ci sarà un motivo!Certo oggi la colpa non è tutta sua, ma potrebbe farlo ogni tanto un grande intervento difensivo a nostro favore...

    E stendiamo un velo pietoso sull'attacco di quest'anno.Purtoppo il mercato è stato fatto per giocare con il 4-3-3, ma si gioca con il 4-4-2...L'Inter ha bisogno urgente di un bomber di razza!

    RispondiElimina
  4. Ho già capito come gira il tutto. L'Atalanta (che sta esprimendo un gioco sognato da molte squadre di serie A) non ha vinto la partita: l'ha persa l'Inter.
    Io all'ambarabababa cicci checchè c'è un ruffiano più di me? Non gioco.
    Con assoluta stima verso il blogger volo verso lidi che di calcio ne capiscano almeno i primi tre articoli del regolamento.

    RispondiElimina
  5. Di parte? Forse lei ha dimenticato i rigori inesistenti contro Empoli e Parma, il gol in fuorigioco a Catania, la mancata espulsione di Burdisso nello scontro diretto con la Roma e tanti altri episodi che hanno completamente falsato l'esito dello scorso campionato. Nel bilancio totate di uno scudetto vinto negli ultimi 20 minuti per una manciata di punti, queste innumerevoli "sviste" contano e come. Ha già dimenticato quanti punti di vantaggio ha dilapidato in pochi mesi offrendo un gioco pessimo e salvandosi solo grazie alla terna arbitrale?...e intanto la Roma continuava a fare harakiri. Lo stesso si ripeterà quest'anno. Anche in questa stagione i soliti errori arbitrali(fuorigioco di mezza squadra a Siena,rigore non dato a Pazzini con i Viola,mancata espulsione di Maicon col Genoa, di Cordoba con l'Udinese...)e la solita, esasperante dose di fortuna(2 autoreti col Catania, il fortunoso gol con la Juve). E a Gennaio sono già cotti. Per non parlare delle competizioni internazionali dove elargiscono figure barbine da anni ormai. Non so come si possa paragonare una simile squadra a quelle del passato.A Moratti non manca proprio nulla. Il regalo del 2006 l'ha risarcito di quello scippato nel 98. Per il resto non so di cosa debba lamentarsi. Prima di calciopoli non ha mai lottato per lo scudetto(se non appunto nel 98 e nel 2002, quando si fece brutalizzare da una Lazio "accondiscendente"...) Cmq potrebbe anche ammetterlo di essere interista. Oramai è palese a tutti. Un neutrale non paragonerebbe mai una buona squadra(è innegabile che lo sia, anche se cerco di sminuirla)con veri e propri MOSTRI del passato. Sacchi, Capello e Lippi dominavano fuori dallo stivale oltre che nei proprio confini. Mancini prima e Mou adesso arracano persino in Italia. E lo dimostrano anche l'infintà di scontri diretti persi. La verità è che se l'Inter incontra una squadra di alta classifica(cioè che non sia Chievo, Bologna ecc.)va nel panico più totale. Tranne in rarissimi casi.

    RispondiElimina
  6. Per l'ultimo Anonimo. Gentile amico, sottoscrivo quanto dici. E rincaro la dose: Moratti deve spendere ancora, perché servono un difensore, un centrocampista e un attaccante. Né Roberto Mancini né Mourinho né altri possono fare i miracoli.

    RispondiElimina
  7. Basta un acquisto: Guido Rossi| e un'altra infornata di INTERcettazioni a senso unico.

    RispondiElimina
  8. Per l'ultimo Anonimo. Gentile lettore, anche tu mi pari eccessivo... L'Inter è ancora la più forte e ha vinto con merito i suoi scudetti. Sarà una bella battaglia a tre: Inter-Juve-Milan.

    RispondiElimina
  9. E si bastano 2-3 partite per vincere la champions. Una passeggiata. Infatti l'Inter negli ultimi 45 e dico 45 anni ne ha conquistate a iosa di Champs...

    RispondiElimina
  10. Come promesso, grande libertà di pensiero. Però calma... Amche perché siete sempre di più a leggermi... devo gestire un sacco di commenti...

    RispondiElimina
  11. Gentili Anonimi vari, non pubblico i commenti in cui mi si dice che sono milanista (accusa più frequente), juventino (la seconda più frequente), interista (la più rara; tranne che per un Anonimo che insiste davvero). Non li pubblico perché non interessano a nessuno.

    RispondiElimina