Cerca nel blog

martedì 10 marzo 2009

Juve-Chelsea 2-2: Ranieri elimina i bianconeri da scudetto e Champions


Che la rosa della Juve non sia all’altezza per vincere campionato e Champions è una favoletta messa in giro da chi non vuol guardare in faccia alla realtà. Che ci dice questo: Ranieri non è un allenatore da Juve. La Zebra non ha un gioco, sfrutta malissimo Del Piero e gli altri attaccanti, non fa pressing a centrocampo e si ritrova con una difesa priva d’identità: nessuno ha capito se applica il fuorigioco o se la linea del reparto arretrato si ferma all’area di rigore, quasi paralizzata dalla paura.

Ranieri ha basato la stagione della Juve sulla corsa, sulla ferocia agonistica, sullo sprint nei primi 20 metri. Quando la benzina finisce, anche la Juve di Ranieri va ko.

La gestione di Giovinco è stata allucinante: se uno poteva dar fastidio ai lungagnoni molli del Chelsea, questi era proprio il ragazzino bianconero. Infatti, con lui in campo nella seconda metà della ripresa, la Juve ha messo paura agli inglesi.

Sarebbe anche ora di finirla con questa storia che i bianconeri sono appena risaliti dalla serie A. Come se avessero dovuto rifondare una squadra, che invece ha mantenuto i suoi pezzi migliori e ha ricevuto ossigeno dal vivaio. Per rispetto dei tifosi della Juve, sarebbe il caso di dare la gloriosa armata bianconera in mano a un allenatore che abbia le capacità tattiche e le caratteristiche temperamentali di Trapattoni, Lippi, Capello.

Tenendo Ranieri, il rischio è che la prossima stagione la Juve becchi ancora sette punti di distacco dall’Inter ed esca contro una squadra come il Chelsea (tutto, fuorché imperforabile). Con Mourinho in panca al posto di Ranieri, la Juve sarebbe stata prima in campionato; e con Hiddink, stasera avrebbe passato il turno. E poi basta con quei continui battibecchi contro Mourinho e l’Inter: sono soltanto dannosi per la Juve.

Perché Ranieri è una bravissima persona. Oltre che un grande allenatore. Ma di squadre medie e piccole. I colossi come Chelsea e Juve non fan per lui.

Chiudo con applauso al pubblico di Torino, commovente prima, durante e dopo la partita.

[foto chelsea]

5 commenti:

  1. purtroppo sono d'accordo su tutto quanto hai scritto....ma proprio tutto.Dissento solo su una cosa : perdere si puo' perdere se chi incontri ti è superiore (il chelsea non lo è !!)ma la colpa non è solo di ranieri ma anche di una società che non ha un uomo "forte" fra squadra e management e un settore medico medico che quest' anno ha fatto acqua da tutte le parti.Per non parlare del D.S. e degli acquisti....

    RispondiElimina
  2. Perdonami ,ma secondo me scrivi un sacco di castronerie,non è la pmi volta che lo fai,nè purtroppo sarà
    l'ultima.I tuoi commenti sono tipi-ci di un incompetente tra l'altro con memoria corta.La juve di Capel-
    lo e quella precedente di Lippi erano di tutt'altro spessore tecnico.Vuoi che ti ricordi i nomi
    della rosa a loro disposizione? cosa hanno vinto in campo internazionale? Capello eliminato due volte(Liverpool ed Arsenal),giocando malissimo.Lippi ,
    con giocatori del calibro di Vieri Davids, Zidane,Inzaghi,il miglior Del Piero ,Deschamp,ecc,ecc,ecc., è
    riuscito a perdere 4 finali(3 champ
    1 uefa),non esprimendo sempre un
    gioco convincente e piacevole.Arri-
    vare secondi in una competizione in
    ternazionale per club ai fini dei
    trofei da mettere in bacheca equivale ad una onorevole, ripeto onorevole eliminazione agli ottavi.
    Di Trapattoni,si diceva che in 11
    anni di gestione non aveva vinto 6
    scudetti ,ma ne aveva persi 5..con
    il materiale che avava a disposi-
    zione.Il calcio non si fa con i se ed i ma, però hai notato nulla nella formazione di stasera?mancava o no qualche giocatore
    importante,considerato titolare?
    Io mi tengo Ranieri(vista la riconoscenza di Lampard e Therry?)
    Con la rosa a disposizione ha fatto già fin troppo, e poi i conti si faranno a fine stagione.
    Con gli uomini che ha a disposizione Mou,si potrebbe accomodare in panchina anche il pargolo che hai in braccio nella foto,buttando le maglie per aria ..
    a chi tocca, tocca! Vediamo domani sera, auguri!

    RispondiElimina
  3. concordo...!
    Hai dimenticato la Coppa Italia, o l'hai tralasciata, per carità cristiana???

    RispondiElimina
  4. Gemtilissimo ultimo Anonimo, truscuri un piccolo particolare: gli scudetti vinti dai tre allenatori che hai nominato. Che comunque han fatto bene anche in Europa. In quanto a Mourinho, mi spiace deluderti, ma ha una rosa appena decente. Tifavo Juve ieri sera, tiferò Roma e Inter stasera. Ma per i nerazzurri la missione è impossibile. Auguri anche a te e grazie: mi leggi sempre.

    RispondiElimina
  5. Non sono d'accordo con quanto sostieni. Hai una visione troppo "gazzettara" che non corrisponde alla realtà.
    Il primo problema è l'incapacità degli attuali dirigenti. Lasciamo perdere le dichiarazioni che rilasciano a mezzo stampa che non sono da Juve. Basta fare un pò di conti in relazione agli acquisti effettuati in questo triennio. Hanno a disposizione 2 anni per centrare l'obbiettivo di vincere qualcosa che non sia l'eventuale Coppa Italia, oppure la già vinta coppa per il campionato vinto in serie B.
    Il tuo riferimento al ritorno della serie A incide eccome. Non perchè la squadra sia tornata nella massima serie, ma perchè una certa squadra forte, è stata smantellata.
    La rosa è incompleta per raggiungere certi obbiettivi. Esempi? I laterali esterni di difesa. Piaccia o meno, c'è differenza tra un bravo giocatore che s'impegna e corre, con un giocatore forte! Molinaro e Grygera sono bravi giocatori. Potrà sembrare un paradosso, ma Zebina, se non avesse la testa che ha, sarebbe molto forte.
    Mourinho non avrebbe mai accettato di allenare questa Juve, come ha fatto con saggezza Lippi. Solo Ranieri ha accettato. Ranieri è un buon allenatore, ma non è un grande allenatore, e comunque Mourinho e Lippi avrebbero ottenuto risultato peggiori di Ranieri con questa rosa. Deschamps è andato via perchè voleva Lampard, mentre i "ridolini" dei dirigenti gli hanno proposto Tiago e Almiron.
    Giovinco è stato inserito nel momento giusto della gara. Piuttosto rimane il dubbio del perchè un trequartista nato, al massimo seconda punta, venga schierato sull'esterna di centrocampo cambiando l'iniziale 4-3-1-2, in 4-4-2. Misteri ai quali solo Ranieri può rispondere.
    Sul pubblico ometto ogni considerazione. Ho l'impressione che a Torino si stiano "interizzando".
    Un saluto

    RispondiElimina