Cerca nel blog

mercoledì 22 agosto 2012

Le 10 verità del 23 agosto 2012. Riconosco la grandezza di Galliani: aveva venduto Pato per 35 milioni di euro


1) Due anni fa, Galliani aveva venduto Pato agli sceicchi del PSG per 35 milioni di euro. Il dirigente rossonero può non risultare simpatico, ma nel calcio è di una grandezza totale, con l’occhio lunghissimo. Poi non si sa perché né per come, ma Pato è rimasto al Milan.

2) Chissà che paroline dolci avrà detto Galliani allo staff medico del Milan che ha rimpinzato di muscoli Pato. Il brasiliano era una farfalla strepitosa; ora è l’omino Michelin che al primo scatto si spacca.

3) Avviso a tutti i ragazzi che si gonfiano di muscoli in palestra: cautela, che Pato sia di ammonimento per tutti. Ha perfino cambiato modo di correre.

4) Coutinho, sta’ alla larga dalla palestra. Meglio qualche pugnetta in più e qualche esercizio in meno per ingrossare le cosce.

5) Kaká al Real e Pato al PSG: solo per queste due cessioni (la seconda fallita per motivi ignoti), considero Galliani il più astuto dirigente della storia del calcio italiano. Se ci mettete anche la mossa Meani, Galliani assurge al re dei manager a livello mondiale.

6) Per fortuna, quando Pato faceva esercizi in palestra, Cassano mangiava le merendine di nascosto: adesso il barese non ha 20 chili di muscoli che lo affossano. Solo qualche chiletto di pancia da smaltire.

7) Noi nerazzurri abbiamo poco da sorridere: se Milito si becca un raffreddore, i 44mila assist di Cassano, Coutinho, Sneijder e compagnia, chi li sfrutta: Mudingayi?

8) Cassano: “È un sogno. Sono sempre stato interista”. Dai Antonio, fai il bravo. Lo sappiamo che a volte le fighe fingono l’orgasmo solo per darci soddisfazione.

9) Gargano: “È un sogno. Sono sempre stato interista”. E va be’, oggi tutti ci dedicano tenerezze. Mudingayi: “È un sogno. Sono sempre stato interista”. Mmm... Che sia stato quel mattacchione di Branca a imporlo per contratto?

10) Ibrahimovic: “Qui al PSG è un incubo. Sono sempre stato interista”. Resta lì dove stai, Zlatan, il nostro attacco esplode di punte vogliose di gol.



Nessun commento:

Posta un commento