Cerca nel blog

lunedì 2 febbraio 2009

Inter, via Quaresma. Oh, un allenatore senza fisime: Mourinho


Novantanove allenatori su 100 hanno almeno una fissazione stravagante, priva di fondamento. In genere, il capriccio irragionevole e bizzarro riguarda un calciatore. Il mister nerazzurro Mourinho pareva ne fosse affetto anche lui, visto che tanto aveva desiderato e tanto insisteva su Quaresma. Poi, d’un tratto, la liberazione: il ragazzo portoghese va al Chelsea. Nel mio piccolo, avevo visto giusto: qui.

Due volte complimenti a Mourinho.

1) Ha ammesso di aver sbagliato ad aver chiesto a Moratti di comprare Quaresma [update: avevo scritto Mourinho: grazie Entius per la segnalazione!]. S’è accollato la responsabilità dell’errore.

2) S’è liberato di Quaresma appena ha potuto.

Non so quanti altri allenatori si sarebbero comportati così. Magari avrebbero indugiato, traccheggiato. Ci sono mister che restano in eterno nell’indecisione, nella fascia grigia del “forse, ma, chissà”; un po’ come certi capi-uffici e responsabili aziendali: sconfinatamente lamentosi, però senza mai prendere iniziative tese a risolvere i problemi. Invece, Mourinho ci è andato giù con l’accetta. Un bene per lui, per Quaresma, per la società e per i tifosi.

Sì, Quaresma è un investimento sbagliato di Moratti su indicazione di Mourinho. Ma Mourinho è un investimento azzeccato da parte di Moratti.

4 commenti:

  1. Quaresma finora è stato penoso. Vederlo partire dopo 6 mesi mi lascia stupito. Se penso che ci siamo tenuti Recoba per DIECI anni...
    Mourinho non guarda in faccia a nessuno. E fa bene. Così si fa.

    PS: Hai scritto "aver chiesto a Moratti di comprare Mourinho". Forse volevi dire di comprare Quaresma...

    RispondiElimina
  2. Uno, grazie per la segnalazione del mio errore. Ho corretto. Due: perfetto il parallelo con Recoba.

    RispondiElimina
  3. Non poteva fare altrimenti ma effettivamente tanti altri non avrebbero fatto come lui. E' un allenatore "strano" per il calcio italiano ma anche se non sono interista mi piace molto

    RispondiElimina
  4. è stato un grande errore dar via Quaresma, tant'è che il Chelsea (non il Pizzighettone) ha fiutato subito l'affare e non ci ha pensato due volte.
    La colpa è del pubblico, non si può fischiare un proprio calciatore dopo due partite. Il ragazzo farà strada, spero che torni presto. Il parallelo con Recoba non lo vedo affatto giusto: Recoba entusiasmò subito San Siro con gol fantastici ed ebbe l'appoggio e la pazienza del pubblico per un bel po' di tempo di anni, a questo ragazzo che ha saltato la preparazione col Porto non è stato dato tempo di inserirsi in una squadra e un campionato nuovo. Almeno ha dimostrato impegno, cosa che Mancini, giocatore già affermato e rodato sui ritmi della Serie A, non ha fatto senza però ricevere l'accoglienza ingenerosa offerta al portoghese.
    http://ilpescatorediasterischi.splinder.com

    RispondiElimina