Cerca nel blog

sabato 18 ottobre 2008

Napoli-Juve: suicidio Ranieri

Metà del secondo tempo di Napoli-Juve, punteggio di 1-1. La coppia Amauri-Del Piero ha dato, fino a quel momento, molto fastidio al centrocampo e alla difesa partenopea. Ma ecco che Ranieri rovina tutto: fuori Del Piero per un difensore (De Ceglie). Da lì in poi, il Napoli prende in mano la partita: 2-1 di Lavezzi e altre occasioni.

Non so se la crisi della Juve (che io ho annunciato quando vinceva di fortuna) sia colpa esclusivamente di Ranieri. Di certo, stasera è tutto suo il suicidio tattico oltreché psicologico: se togli un attaccante per un difensore, dici all'avversario "Io ho paura" e togli sicurezza alla tua squadra.

Attenzione. Potrebbe anche essere una serata epocale: la Juve che esce dal novero delle grandi squadre, per far posto al Napoli. Un passaggio di consegne storico. E la nostalgia di milioni di tifosi bianconeri verso Moggi aumenta: vedi qui.

foto flickr by megadeth87_rules

4 commenti:

  1. NON CREDO
    IL NAPOLI CROLLERA' PRESTO

    RispondiElimina
  2. raneir è "l'uomo chiamato coglione", ha tolto del piero per de ceglie, ha schierato un centrocampo a 5 con due mediani e non contento ne ha tolto uno, mettendo un trequartista, all'80 ha poi (inutilmente, visto l'orario, ma questo lo fa sempre) messo giovinco ( un trequartista o seconda punta o centrocampista esterno) al posto di molinaro, non si è capito dove, facendo un macello tale che avrebbe potuto vincere anche il sassuolo contro di noi. se ne deve andare!

    RispondiElimina
  3. Gentili amici, vi prego soltanto di moderare i toni. Stavolta, prendiamo quel "c......" come un epiteto scherzosamente sportivo. Però calma. Grazie, il blogger Alessandro Ascione

    RispondiElimina
  4. pacifico che Ranieri non è l'allenatore di polso che ci vuole a Torino, ricordo che : gli infortuni sono tanti, i giocatori vecchi e cotti che pretendono anche, le ceneri da cui rialzarsi dopo il disastro moggiopoli enorme (guardate l'Inter o il Real se non capite), essere costretti a vincere è uno svantaggio e infine tanti dentro e fuori remano contro (Moggi che dichiara il mondiale lo vinto io ! non vi dice niente ? ). quindi lasciamo stare il Napoli che cresce pieno di giovani campioni che non fanno din din ma corrono sul campo e ringranziano del regalo Blasi e del fatto che l'uscita di Cannavaro, Vitale e Zalayeta ha fatto la differenza e non quella di Del Piero che ha battuto solo una punizione e niente più.

    RispondiElimina