Cerca nel blog

sabato 2 aprile 2011

Il Milan vince un campionato mai iniziato. Ora Inter-Schalke: partita molto più importante. E delicatissima


È impensabile che una squadra, dopo due sessioni di acquisti (estiva e invernale), non vinca lo scudetto (leggi qui): il Milan è in questo momento la più forte d’Italia, e l’ha dimostrato battendo l’Inter. Che di sicuro prima o poi doveva chiudere la striscia di scudetti consecutivi: nessuna squadra dura in eterno. L’unico rammarico è aver regalato un campionato così modesto a una squadra che è stata eliminata da un Tottenham penoso.

Il problema adesso è Inter-Schalke, che vale tre volte il derby come importanza, immagine: siamo in Europa, non si deve ragionare da provinciali (leggi qui). A Leonardo il compito di ricaricare le pile e di trovare gli accorgimenti giusti anche sotto il profilo atletico: ho visto giocatori molto giù di corda, in particolar modo Cambiasso e Chivu, quest’ultimo peraltro utilizzato fuori ruolo per l’assenza dei due difensori centrali titolari (Samuel e Lucio). D'altronde, se tutti gli allenatori lo schierano sulla fascia, un motivo ci sarà. L’Inter inoltre ha pagato le partite delle Nazionali, nonché lo sforzo mentale e fisico per rimontare il Milan.

Non è neppure un male venuto per nuocere, questa sconfitta. Servono investimenti ingenti e campagne acquisti di rilievo, altrimenti anche la prossima stagione lasci via libera a squadre concorrenti che si attrezzano di più (non solo Milan, ma anche Roma e Napoli): ora la cosa è sotto gli occhi di tutti, società inclusa.

foto Inter.it
                                                                                                                                                                          
                 

2 commenti:

  1. Non sono assolutamente daccordo sul fatto che il Milan sia più forte dell'Inter.
    Se alcune cose fossero girate un pò diversamente (difesa più accorta, gol subito dopo 43 secondi, gol sbagliato da Eto'o) saremmo qui a raccontare di tutt'altra partita.
    Il Milan ha vinto per meriti suoi ma anche per demeriti nostri. E aggiungerei anche per un'arbitraggio tutt'altro che impeccabile.
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. già, con un arbitraggio più corretto probabilmente era 4-0 visto il rigore non dato su mano di maicon no ?

    RispondiElimina