Cerca nel blog

sabato 26 marzo 2011

Ibrahimovic, squalifica ridotta: 10 errori senza risposta


Il Milan s’è comportato con intelligenza e sagacia. Sia dal punto di vista mediatico sia sotto il profilo giuridico. Ognuno tira l’acqua al suo mulino, com’è giusto che sia. Sono i giudici che, a mio parere, hanno sbagliato. In buona fede.

1) Nel gennaio 2009, Adriano, in Inter-Sampdoria, si divincola dalla marcatura di Gastaldello: colpisce il difensore doriano con un pugno allo stomaco. Tre giornate di squalifica, dietro prova tv. Sentenza: “In occasione di un calcio d'angolo a favore della squadra nerazzurra, Adriano e Gastaldello, nell’area doriana affollata da calciatori di entrambe le squadre, si trovavano a strettissimo contatto. In tale frangente, il calciatore interista, nel sottrarsi alla pressione esercitata dall’avversario, con un repentino movimento, del braccio destro, colpiva con un pugno all’addome il calciatore blucerchiato che si accasciava al suolo, con atteggiamento sofferente”. Ricorso Inter. Risultato: tre giornate confermate. Adesso, invece, riduzione della pena per Ibrahimovic: da tre a due. Perché?

2) Brighi, l’arbitro di Milan-Bari, ha visto tutto benissimo. Senza aiuto della tv, senza paura di fischiare contro il Milan, senza timore delle rimostranze a muso duro dei giocatori del Milan. Espulsione diretta di Ibrahimovic. Arrivano i giudici e riducono da tre a due le giornate di squalifica. Brighi è di dimensione internazionale. Nessuna remora: annulla il gol per il tocco nettissimo di mano di Ibrahimovic, lo espelle per il pugno. Ha dimostrato di avere carattere, personalità. Non è questione di buona fede, ché anche Rocchi, Rizzoli, Morganti, Banti e Tagliavento e altri sono onesti. Ma è questione di capacità, temperamento. Eppure, i giudici smentiscono parzialmente Brighi. Allora, non puoi intervenire dopo che Robinho stoppa di mano e regala la vittoria al Milan a Chievo. Però intervieni e modifichi quanto ha visto un arbitro coi controfiocchi come Brighi. Perché?

3) Derby di ritorno della scorsa stagione. Sneijder applaude l’arbitro Rocchi: due giornate di squalifica. Ibrahimovic, due giornate di squalifica per un pugno. Stesse pene per due comportamenti così tanto diversi. Perché?

4) Inter-Samp della scorsa stagione. Due giornate a Cambiasso per pugno a Gastaldello nel tunnel che porta agli spogliatoi. Gastaldello all’epoca: “Nessuno mi ha dato nessun pugno”. L’arbitro non vede. Solo gli agenti federali. Due giornate a chi avrebbe tentato di tirare un pugno, non visto dall’arbitro (con circostanza negata dal giocatore che sarebbe stato preso a botte), così come a chi ha tirato un pugno visto dall’arbitro. Perché?

5) Tre giornate a Lavezzi per uno sputo che non si sa né se c’è stato né dov’è andato. Lavezzi, per la cronaca, salta Milan-Napoli. Ricorso respinto. Perché?

6) Mi dicono che Ibrahimovic stesse tentando di raggiungere la palla, e che per questo abbia sferrato il pugno. Mi dicono che la palla era vicina. Il problema è che sulla lontananza della palla si può aprire un dibattito infinito. Un precedente pericoloso, introdotto erroneamente. Perché?

7) D’improvviso, i giudici si dimostrano clementi, anche con altri calciatori (vedi Galloppa e Radu). Perché?

8) È il calcio, c’è contatto fisico, talora pericoloso. Ma tutto nell’àmbito del tackle, della ricerca della palla. Il pugno da dietro e al fianco dell’avversario lo reputo cosa ben diversa. È un comportamento sbagliato per natura. Da punire. Non c’entra nulla che l’avversario non abbia riportato conseguenze fisiche. Ci mancherebbe pure. Però i giudici non l’hanno considerato molto. Da oggi, ogni pugno dato da dietro equivale a due giornate di squalifica. È stato dato questo messaggio a chi gioca in serie A. Perché?

9) Ibrahimovic era in diffida. E già in passato è stato squalificato per comportamenti analoghi. Un recidivo. Questo non è stato considerato a sufficienza. Perché?

10) Occorre decidersi. Codice di giustizia sportiva: tre giornate sanzione minima per condotta violenta. Una  giornata per condotta antisportiva. Due giornate per condotta gravemente antisportiva. Ibrahimovic: condotta violenta o gravemente antisportiva? Se gli dai due giornate, dici all’arbitro Brighi che ha sbagliato: era una condotta gravemente antisportiva e non violenta. Ma la discriminante fra le due non è la violenza del pugno: è il gesto. Se poi i giudici tengono conto (però è tutto da dimostrare) che la palla era vicina e che quello è un normale fallo di gioco, allora un eventuale comportamento violento a palla vicina, in futuro verrà derubricato a condotta gravemente antisportiva. Anche con un giocatore recidivo e già diffidato. Perché?

Atre due riflessioni.

a) Se c’è stato un errore nel dare solo 4 giornate a Chivu per il pugno di Bari, le regole sono da riscrivere. Con calma, a tavolino. Invece, col treno in corsa, non spetta ai giudici di secondo grado riparametrare le squalifiche, dando due giornate a Tizio per un pugno in pancia, solo perché a Caio sono state date 4 giornate per un pugno più violento.

b) Tre giornate di squalifica sono diventate due. Un terzo tagliato. Uno sconto del 33,3% periodico. Se consideri che la sentenza è arrivata dopo Palermo-Milan, lo sconto è del 50%. C’è chi lo chiama sconticino. Alla faccia del cazzo. A casa mia, lo sconticino è questo: su 10 giornate te ne tolgono una.

                          
                                                               

4 commenti:

  1. VERGOGNOSO E' ESSERSI APPICCICATI UNO SCUDETTO SULLA MAGLIA SENZA AVER VINTO IL CAMPIONATO BUFFONE, VERGOGNOSO E' AVER VINTO UN DERBY CON UN GOL DI MANO, VERGOGNOSO E' AVER SEGNATO UN GOL CON MEZZA SQUADRA IN FUORIGIOCO, VERGOGNOSO E' AVERE PORTATO A CASA UNA COPPA FACENDO FALLI SU FALLI NELLA PROPRIA AREA SENZA CHE AGLI AVVERSARI FOSSE MAI FISCHIATO UN RIGORE...
    MA INVECE DI GUARDARE I FATTI DELLE ALTRE SQUADRE VEDETEVI I FATTI VOSTRI ANZI LE VOSTRE MALEFATTE!!!

    RispondiElimina
  2. Anonimo, sta' sul fatto. Lascia stare i vari scandali che hanno portato in B le squadre. Sta' sul fatto e sii circostanziato.

    RispondiElimina
  3. Anonimo fai ridere come i rubentini che quando non avete argomenti ritornate indietro nel tempo, e ricordati tornando indietro della vostra B una sul campo ed una a pagamento come diceva il mitico Prisco e forse uno scandalo ancora più grande di calciopoli visto che il vostro presidente vendeva le partite, comunque secondo me le potevano togliere tutte le giornate di squalifica allo zingaro, così dopo che perderete il derby e lo perderete con o senza lo zingaro vediamocoa direte e ricordatevi che anche quest'anno si prospettano zero tituli. W la prima squadra di Milano L'INTER invidiosi e spocchiosi come il vs/presidente e il vs/amministratore che dalla 2° di campionato sparla degli arbitri che non fanno altro che farvi regali siete patetici, frustrati.

    RispondiElimina
  4. Grande articolo, nulla da aggiungere. Siamo nel paese dei balocchi, ma la vera vergogna è che il Milan abbia fatto ricorso al fine di SCHIERARE Ibrahimovic nel derby, appellandosi a particolari che non farebbero ridere nemmeno a Zelig.

    La classe non si compra al supermercato.

    RispondiElimina