Cerca nel blog

domenica 15 giugno 2008

Donadoni: il Milan dà, toglie e magari restituisce

Resterà per sempre un mistero il motivo per cui Donadoni ha inteso regalare almeno 70 minuti di Italia-Olanda 0-3. Infatti, nella partita d’esordio degli Europei il ct della Nazionale, ex strepitosa ala del Milan, ha calato un tris di centrocampo da brividi: Gattuso, Ambrosini, Pirlo. Ossia la mediana rossonera. Che nella più recente stagione ha fatto piangere, contribuendo al fallimento dell’annata: in campionato, il Milan è arrivato ad anni luce dall’Inter. Sì, durante il match con l’Olanda, Donadoni si è accorto di averla fatta grossa, e ha eseguito cambi in corsa per giocarsi quasi alla pari gli ultimi 20 minuti, ma ormai era tardi.

Dopodiché, per Italia-Romania 1-1, altra scelta sciagurata: Zambrotta, neoacquisto del Milan, messo a difendere a destra. Il ragazzo è reduce da mesi orribili al Barcellona, durante i quali è stato subissato di critiche dalla stampa spagnola. Perché allora piazzarlo fuori ruolo, quando già a sinistra aveva faticato da matti contro l’Olanda? Perché metterlo viso a viso con l’unico giocatore decente romeno, cioè Mutu? Il quale ha immediatamente capito l’antifona, puntando per tutto il match Zambrotta, fino al clamoroso errore del nostro sullo 0-1.

Ora, martedì 17 giugno, Olanda e Romania possono farci fuori. I Tulipani son già qualificati, e non hanno interesse a giocare alle morte; invece, i romeni devono vincere per passare il turno, e scenderanno in campo col sangue agli occhi. Sicché il rischio è che gli orange sbrachino, facendosi infilare a ripetizione dalla Romania.

Ma in che cosa spera Donadoni? Nella sportività del ct olandese, Van Basten, compagno di straordinari successi con la maglia del Milan: secondo il mister italiano, il Cigno di Utrecht farà di tutto per sconfiggere i romeni. Consentendoci in questo modo di passare il turno, sempreché l’Italia riesca a non farsi sculacciare anche dalla Francia.

Ecco, magari il cerchio si chiude: Donadoni ha ricevuto tanto dal Milan stellare di Sacchi a cavallo degli anni 80, ha pianto per via dei quattro rossoneri in maglia azzurra, e adesso potrebbe qualificarsi grazie a Van Basten, punta di diamante di una leggendaria squadra di Berlusconi.

foto qui

1 commento:

  1. ehi compliments, ci hai preso in pieno: van basten (milan) gli ha fatto il favore!

    RispondiElimina