giovedì 23 agosto 2012

Una domanda a Palazzi: ma l’illecito sportivo dov’è andato a finire?

Non critico né Conte né la Juve: seguono una propria strategia difensiva, attaccando tutti. Affari loro.

Non capisco come gli juventini dicano che Conte è innocente, e come gli antijuventini sostengano che Conte è colpevole. Su quali basi? Qualcuno era presente nello spogliatoio al momento della presunta combine?

La vera questione è un’altra. Sandulli dice che a Conte è andata bene: manca l’illecito sportivo. Ecco, la domanda che rivolgo a Palazzi è: dov’è andato a finire l’illecito sportivo? Prima dai l’ok al patteggiamento (poca roba, da devolvere ai terremotati), poi non inserisci l’illecito sportivo fra le accuse. Perché?

Io ricordo un Palazzi durissimo contro Facchetti e l’Inter: perché d’improvviso un “pubblico ministero” così determinato perde il consueto mordente?

Secondo fronte bollente: "A Roma ci sono le guardie e noi crediamo che abbiano la divisa nerazzurra". Lo ha affermato l'avvocato Luigi Chiappero, difensore di Conte, nella conferenza stampa indetta dal tecnico. "Noi juventini siamo sospettosi - ha aggiunto - dopo i fatti degli anni passati. Il processo di Napoli ha fatto emergere che lo scudetto del 2006 era corretto, non c'era stato nulla di irregolare, ma in Federazione hanno fatto finta di niente". Davvero è pensabile che le così definite “guardie nerazzurre” abbiano voluto punire Conte?


14 commenti:

  1. Continua a pensare che non vincevate per colpa di Moggi!

    RispondiElimina
  2. ascio' tu dove passa palazzi devi solo baciare per terra, prescritto!

    RispondiElimina
  3. Peccato che il sig palazzi (rigorosamente minuscolo) per l'inter ha solo minacciato atteso la prescrizione è poi tutto in bolle di sapone . E' la giustizia sportiva così veloce che per l'inter ha perso la coincidenza con il Frecciarossa

    RispondiElimina
  4. Tu ricordi un Palazzi durissimo con Facchetti e l'Inter??? E quando, me lo dici? Quando con la relazione vi doveva mandare in B e ha fatto trascorrere tutto il tempo dovuto per la prescrizione??

    RispondiElimina
  5. L'unica cosa sicura e' che la giustizia sportiva italiana e' una vergogna che condanna senza prove.Nemmeno in africa o nelle dittature sudamericane si arriva a tanto.

    RispondiElimina
  6. "Io ricordo un Palazzi durissimo contro Facchetti e l’Inter"... Bella forza essere un duro 3 giorni dopo che il reato è stato prescritto.. A maggior ragione se adesso si impunta e condanna le persone per sentito dire additando la scusa del "Non abbiamo tempo per leggere tutto.."
    Ci ha messo 5 anni a leggere le prove contro Facchetti ed ora non trova 5 minuti per gli altri.
    Coerente..

    RispondiElimina
  7. DJ - Curva Nord24 agosto 2012 14:38

    Bravo Alessandro, ci hai azzeccato!!
    Vedi a quanti brucia il sedere?
    Vedi quanti rosicano?

    E, a chi ti chiama "prescritto", sarebbe bene ricordare che la prescrizione è uno strumento giuridico di cui ci si potrebbe avvalere soltanto se esiste una sentenza di condanna.
    Come è avvenuto ai disonesti per antonomasia relativamente al caso doping (o farmaci off label, chiamatelo come volete) - iuve.
    Basta leggersi le 40 pagine della sentenza della Suprema Corte.
    In quel caso i due galantuomini Agricola e Giraudo colsero al volo l'ormai insperata occasione e si avvalsero della prescrizione quando, invece, per uscirne puliti e senza macchia alcuna, avrebbero potuto rinunciarvi e accettare un nuovo processo.
    Ma, come fu scritto all'epoca, "per rinunciare alla prescrizione conviene essere innocenti"
    Pertanto i veri "prescritti" sono coloro che indossano la divisa (appropriata e meritata, in verità) dei galeotti.


    Per tornare a noi, la prescrizione non potrebbe mai essere consequenziale di un PARERE (soltanto un PARERE) di un Procuratore Federale (l'equivalente di un Pubblico Ministero in un processo penale).
    Cioé in assenza di una sentenza.

    Inoltre quel PARERE fu assolutamente strumentale.
    Infatti Palazzi, pur sapendo di non poter indagare, ha indagato.
    Pur sapendo di non poter deferire a giudizio, ha ipotizzato illeciti disciplinari.
    E pur sapendo di non poter accusare chi non era nelle condizioni di difendersi (Facchetti, all'epoca oramai deceduto), cionondimeno ha accusato.

    Indagato, ipotizzato e accusato.

    Per passare ai posteri come il solerte inquisitore che incolpò un defunto.
    In ordine a fatti per cui la pretesa punitiva dello Stato (qualora fosse stata accertata l'esistenza di un reato) si era già prescritta per legge.
    Violando elementari principi di civiltà giuridica di uno Stato di Diritto.

    Tutto questo dedicato a chi ti ha chiamato "prescritto".

    Ribadisco: ci hai azzeccato, eccome, caro Alessandro!!!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. TU SEI UBRIACO O TI SI E' GUASTATO IL CONDIZIONATORE.....
      VATTI A VEDERE IL SIGNIFICATO DI PRESRIZIONE PRIMA DI PARLARE

      Elimina
  8. oddio, ma parlare con un interista fa sudare l'inverosimile, bisogna entrare nel loro mondo, adattarsi a loro nel parlare. Allora, facciamo così, parliamo terra, terra: il defunto come lo chiami tu parlava ed aveva rapporti con arbitri in attività (nucini)? Risposta: SI, violazione art. 6 ? . Il defunto chiedeva favori agli arbitri per modificare nel modo giusto il 4-4-4 ? SI, violazione art. 2 (come Moggi, guarda caso). Quindi al di la di tutte le tue elucubrazioni su pareri strumentali consequenziali, assenza di sentenza, ipotizzazioni varie, l'inter HA VIOLATO GLI ARTT. 2 e 6 che avrebbero dovuto determinare la retrocessione, PUNTO. Quindi prescritti o non prescritti l'avete fatta (ancora) franca. E dico ancora perchè non voglio parlare dei "mitici" passaporti, fatto gravissimo con condanna "penale" ad oriali ma sul fronte sportivo nisba anche quì, quando si nasce con la camicia. Infine, tu continui con la prescrizione per abuso di "farmaci consentiti", te lo ripeto "farmaci consentiti", perchè per l'uso di sostanze proibite (vero motivo del processo)la Juve ne è uscita completamente innocente! Pensa come avrebbe potuto andare a finire un processo del genere, è come processare una persona per eccesso di velocità pur non superando la velocità consentita dei 50 all'ora. E poi un consiglio: finitela di tirare in ballo un defunto per coprirvi, è odioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DJ - Curva Nord25 agosto 2012 11:57

      "Infine, tu continui con la prescrizione per abuso di "farmaci consentiti", te lo ripeto "farmaci consentiti","

      Tali farmaci venivano usati off - label al fine di migliorare le prestazioni in campo dei calciatori (e quindi in maniera sleale) nonché in modo pericoloso per la salute degli stessi.
      Per schiarirti le idee (considerata la confusione che alberga nel tuo cervello) mi vedo costretto a postare passi della sentenza della Suprema Corte.


      Accuse:

      ..."nel procurarsi e somministrare ai calciatori specialità medicinali contenenti sostanze rientranti nell'elenco formulato dal C.I.O., relativo alle classi di sostanze proibite segnatamente specialità medicinali atte a stimolare l'eritropoiesi quali l'eritropoietina umana ricombinante, le specialità medicinali Liposom forte, Lidocaina, Xilocaina, Depro-Medol fiale, Depro-Medol + Lodocaina fiale, Bentelan fiale e compresse, Deflan compresse, Flantadin compresse, Flebocortid fiale, Solu-Medrol fiale, Tricortin 1000."


      Conclusioni:

      "...Ed invero, la condotta del reato di cui all'art. 445 cod. pen., RISULTA COMMESSA, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, dal luglio del 1994 al settembre del 1998: ne consegue che il termine massimo di prescrizione (anni sette e mesi sei), calcolato secondo le disposizioni della disciplina previgente, e ritenute le sospensioni già indicate, è maturato in data 12 febbraio 2007."


      P.Q.M.:

      "Annulla senza rinvio la sentenza impugnata in ordine al reato di cui al capo d).
      Annulla senza rinvio la sentenza impugnata in ordine al reato di cui al capo g) limitatamente alle sostanze vietate diverse dalla "eritropoietina umana ricombinante" nonché alle sostanze non vietate di cui all'imputazione, perché il reato è ESTINTO PER PRESCRIZIONE..
      Annulla senza rinvio la sentenza impugnata in ordine ai reati di cui ai capi h) e i) perché ESTINTI PER PRESCRIZIONE;
      Dichiara inammissibile il ricorso del Procuratore generale in ordine al reato di cui al capo g), limitatamente alla "eritropoietina umana ricombinante"."

      Per dirla in breve, il medico, su mandato dell'amministratore delegato, imbottiva i calciatori di "sostanze vietate" come i "corticosteroidi", e anche di farmaci non vietati ma somministrati ad atleti sani per potenziarne il rendimento in campo, "in modo pericoloso per la salute".
      Alterando la genuinità delle classifiche.
      Nonché violando la legge che tutela "la regolarità e la correttezza delle competizioni, poste in pericolo dalla sleale alterazione chimica delle prestazioni".


      Elimina
    2. DJ - Curva Nord25 agosto 2012 11:59

      Ma, del resto, sarebbe bastato dare un'occhiata al verbale delle testimonianze dei disonesti calciatori gobbi, per capire come stavano le cose:

      ALESSANDRO BIRINDELLI: «Facevo delle flebo con un altro prodotto di cui non ricordo il nome...».

      ALESSIO TACCHINARDI: «Prendemmo delle pastiglie in un sacchetto. A volte mi capitava di mandarle giù tutte insieme. Erano pastiglie di colore e dimensioni diverse...».

      GIANLUCA PESSOTTO: «Io mi sentivo un po' stanco e chiedevo, parlando col dottore, che mi facesse queste flebo...».

      ANTONIO CONTE (quello immacolato che però patteggia per il caso di combine): «Quando giocavamo tre partite alla settimana prendevo il Samyr [un antidepressivo, ndr], facevamo una flebo...».

      ALESSANDRO DEL PIERO: «Avevo l'abitudine di prendere la creatina una volta al giorno. Poi è capitato che la prendevo con i cucchiaini due volte al giorno...».

      GIANLUCA VIALLI: «Mi capitava prima della partita di ricevere una puntura di Voltaren... Facevo iniezioni di Samyr...».

      MORENO TORRICELLI: «Facevo iniezioni per via intramuscolare, o per via venosa, di Samyr. Assumevo anche creatina...».

      ROBERTO BAGGIO: «Per via endovena posso aver fatto l'Esafosfina... Magari avevo preso il Samyr per qualche problema, non lo so... Non mi ricordo se ho fatto uso di creatina...».

      FABRIZIO RAVANELLI: «Qualche volta ho fatto anche uso di Samyr... Mi veniva somministrato nei momenti di stanchezza, tramite punture o nella flebo...».

      ANGELO PERUZZI: «Facevamo le punture di Samyr nello spogliatoio prima della partita...».

      NICOLA AMORUSO: «C'erano delle bustine che contenevano la creatina, e chi voleva la richiedeva e veniva preparata... Vedevo le scatole di Samyr nello spogliatoio...».

      ATTILIO LOMBARDO: «Sì, prendevo la creatina... Facevo le flebo un giorno prima, o la mattina prima della partita, in albergo...».

      CIRO FERRARA: «Ho fatto uso di Samyr, ma non so cosa sia e non ricordo come lo assumevo...»

      (Tutti depressi questi gobbi...eppure vincevano...mah...!!!)

      Ferrara fa uso di Samyr però non sapeva cosa fosse (???!!!?!?!?!?).
      Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro...

      P.S.: da non dimenticare la oramai celebre "puntura" di un'ape a Cannavaro.

      Elimina
  9. Grazie a DJ-Curva Nord per il commento preciso e circostanziato. Non male, comunque, i vari Anonimi: hanno fatto il copiaincolla di quanto dice gente che guadagna 5 milioni di euro l'anno. Suvvia, siate più orignali...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DJ - Curva Nord25 agosto 2012 12:03

      Sono io a ringraziarti per le lusinghiere parole che hai voluto spendere al riguardo del commento di uno che non è mai stato in B.
      Neppure due volte...!!!

      Elimina
  10. Era da tempo che nn ridevo cos' tanto... grazie... ti seguirò sempre!

    RispondiElimina