Cerca nel blog

martedì 5 luglio 2011

Non vedo l’ora che ci tolgano lo scudetto numero 14: quattro rigori a porta vuota a favore di Massimo Moratti


I piangina milanisti (quelli di Meani) e juventini (quelli di Moggi) sono in festa: Palazzi è il loro nuovo idolo. La revoca dello scudetto numero 14 avverrebbe in base a questioni morali anziché giuridiche. E i princìpi etici verrebbero determinati a capocchia: una legge non scritta ha il valore di una chiacchiera al bar fra due alcolizzate (una milanista e una juventina).

Mentre la prostituzione intellettuale imperversa (nel complesso, ci sono più tifosi di Milan e Juve rispetto a quelli dell’Inter, e il peso politico e mediatico delle altre due è infinitamente più forte), io non vedo l’ora che ci revochino lo scudetto numero 14. Dopodiché, la società Inter si muoverà in quattro direzioni. Sono quattro rigori che Massimo Moratti potrà calciare a porta vuota.

1) C’è una decina di campionati da rivedere. Come minimo, quelli che vanno dal 1996 (doping) al 2004. Sotto la lente, in particolare, le annate 1998 e 2002 (doping e arbitri). Occhio anche alla Champions 2007, visto che la squadra vincitrice non avrebbe dovuto partecipare alla manifestazione europea. Ragioni per etica e comportamenti discutibili? Ecco le conseguenze, tanto per iniziare con l'antipasto.

2)
In parallelo, si va di ricorsi contro la revoca dello scudetto 2006, il numero 14. Una sequela di processi, finché lo scudo non torna a casa. La Figc spieghi a Losanna che la revoca è avvenuta per una questione etica. Abbia il coraggio di citare l’articolo e il comma della legge sulla questione morale. Ti ridono in faccia, e magari per risarcimento ci danno pure un indennizzo economico.

3) Gli stessi tribunali internazionali leggono le 72 pagine di Palazzi. Lui dice che i comportamenti di Facchetti come articolo 6 (illecito sportivo) sono meno gravi di comportamenti poi rubricati nel 2006 come articolo 1 (slealtà). Allora, il tribunale internazionale legge che i giudici di secondo grado hanno già smentito Palazzi. Una mostruosità giuridica.

4) Palazzi di lavoro non fa il censore. Non indica la retta via agli altri. Eppure spinge per la revoca. Chissà che cosa ne pensa un tribunale internazionale…

foto Inter
     

6 commenti:

  1. Tesi ridicole. Evidentemente non hai letto le inter-cettazioni che coinvolgono Facchetti. Ci sono regalini per Bergamo da ritirare nell'ufficio di Moratti, pressioni ai designatori, contatti strettissimi (con promessa di un posto di lavoro) per Nucini (che ha addirittura arbitrato l'Inter. Robe che Moggi era un dilettante. Altro che revoca dello scudetto: dovrebbero spedirli in B con 19 punti di penalità

    RispondiElimina
  2. Tesi giuste e argomentate con intelligenza, quelle di Ascione. Le intercettazioni? Fuffa, vedi punto 3).

    RispondiElimina
  3. Sarebbe interessante capire come mai ci hanno messo così tanto tempo per far scadere i termini.

    Mentre l'altro processo, l'hanno fatto tutta in fretta e in furia.

    RispondiElimina
  4. Sarà che le prime intercettazioni erano rilevanti, queste seconde no: che dici...

    RispondiElimina
  5. Volete lo scudetto del 1998? Ebbene cosa dite che in quell'anno avete schierato un giocatore come COMUNITARIO con un PASSAPORTO FALSO?

    RispondiElimina
  6. Vi ricordo che se la Giustizia Sportiva vi avesse comminato la pena prevista per il passaporto falso, VI AVREBBE SPEDITO IN SERIE B !!!

    Avete poco da lamentarvi, voi.

    RispondiElimina