Cerca nel blog

domenica 21 ottobre 2012

La squadra più titolata di Milano è bella, ma pazza

È sempre cosa buona e giusta mettere in chiaro una cosa: il titolo di squadra più titolata si basa su parametri precisi. In particolare, devi andare a vedere quante volte sei andato in serie B, e se hai mai fatto la tripletta. Ora, obiettivamente, l’Inter è l’unica squadra di Milano a non aver mai conosciuto la vergogna della serie minore, e ad aver piazzato il triplete che l’Italia c’invidia da morire. Se siamo belli, non è colpa nostra insomma. Anche per questo, altri ora navigano nelle acque che già hanno conosciuto in passato: la zona retrocessione. E se non fosse per la presenza di alcune squadre davvero scarse laddietro, i rischi sarebbero forti.

È sempre cosa buona e giusta rammentare che, dallo scambio fra Cassano e un altro giocatore, ci ha guadagnato l’Inter. Non è come dicono i giornali, che altri fanno sempre la cosa giusta e tu no.

È sempre cosa buona e giusta esaltare quel trio d’attacco divertentissimo che è Milito-Cassano-Palacio. Pazzini, che ha difficoltà a fare uno stop, davvero non c’entrava nulla con noi. E se Van Basten viene a sapere che ora la punta rossonera è Pazzini, urla legittimamente allo scandalo.

È sempre cosa buona e giusta evidenziare che il gol di Palacio è il più difficile della stagione: lancio di Milito, stop in corsa di Palacio, tiro volante di sinistro nell’angolino. Roba da mostrare nelle scuole calcio ai ragazzini.

A occhio e croce, Cambiasso ha perso sette chilogrammi da quando s’è presentato in ritiro estivo: ora è un signor giocatore.

Restiamo una squadra pazza: parecchi rischi in difesa. Serve maggiore compattezza sulla mediana. Lo scudo è nelle mani della Juve: ammetto la sua superiorità. Per tentare di darle fastidio, servirebbe una ventina di milioni di investire nel mercato invernale: non so...

1 commento:

  1. Miglioriamo e cresciamo di gara in gara. Anche io sono del parere che non possiamo competere per il tricolore ma per il momento siamo nel gruppo in fuga. Poi si vedrà.

    www.calciorum.blogspot.com

    RispondiElimina