Cerca nel blog

domenica 28 ottobre 2012

Bologna-Inter 1-3: onore a Stramaccioni, che rende competitiva una squadra discreta. Ma se un arbitro di porta segnala un fuorigioco, la questione scudetto è già chiusa

La rosa dell’Inter non è da grande squadra. Mancano tre elementi di valore, uno per ogni reparto: difesa, mediana, attacco. Non abbiamo un regista. Non ci sono cambi all’altezza. Eppure, Stramaccioni ha reso competitiva un’Inter che con altri mille allenatori veleggerebbe a metà classifica. Questo ha detto la stagione, fin qui, con Bologna-Inter 1-3 che va a confermarlo.

Handanovic ha due armi letali: il linguaggio del corpo, che non mette ansia alla difesa; il lancio con le mano, che fa francamente paura per precisione.

Cambiasso, finalmente smagrito, è di nuovo un atleta di primissimo livello mondiale.

Palacio si libra come una farfalla: assieme a Milito, ha percorso i chilometri, con scatti continui per stroncare i difensori avversari.

Il Principe è tornato a mordere in zona gol: lo sapevo, bastava attendere che il leggero appannamento in fase realizzativa passasse.

Juan Jesus impressiona per lo strapotere fisico. Se impara a giocare coi due piedi, entra nell’olimpo dei difensori planetari.

Ranocchia è stato ricostruito sotto il profilo mentale da Stramaccioni.

È solo una mia umile opinione, che vale zero: il più grosso errore che può fare adesso l’Inter è far passare sotto silenzio gli allucinanti errori arbitrali a favore della Juve a Catania. Ci fosse Mourinho, ci penserebbe lui a dire la verità. Se l’Inter rinuncia a contrastare mediaticamente la Juve, per i prossimi cinque anni non vincerà nulla. E mi verrebbe il dubbio che, in definitiva, a tutti stia bene così. Che una panchina abbia il potere di influenzare la decisione di arbitro e guardalinee non s’è mai visto da nessuna parte, e nemmeno Moreno era arrivato a tanto. Con l’arbitro di porta che segnala un fuorigioco: come se un idraulico spiegasse a un panettiere come si fa il pane; come se una escort illustrasse il valore della fedeltà a una madre di famiglia. Tutto sommato, con un arbitro di porta che segnala un fuorigioco, c’è la tanto voluta riforma della giustizia sportiva voluta dalla Juve: bel colpo, Gobba.

4 commenti:

  1. Hai già dimenticato il rigore netto non dato al Catania dalla vostra squadra? :) E di quello cosa dici?

    RispondiElimina
  2. Dico che l'Inter è la squadra più derubata, in campionato, che ci sia: mancano all'appello diversi scudi...

    RispondiElimina
  3. io credo che il presidente del Catania, doveva ritirare la squadra, e lasciare in capo
    la juve con i suoi compari!
    Credo che sia maturo il tempo, che tutta la stampa ed i media in generale, la smettano con questo servilismo nei confronti della juve ! tanto non li crede più nessuno !
    poi chiudo con una domanda: ma siamo sicuri che la juve è la squadra più amata dagli italiani ????
    Un cara saluto al presidente della juve Arsenio Lupin

    Carlo 59

    RispondiElimina
  4. io dico che voi juventini , avete una grande dote, non conoscete il limite della vergogna!!!!
    Siete da sempre i professionisti del furto!
    Carlo

    RispondiElimina