Cerca nel blog

giovedì 24 febbraio 2011

Inter-Bayern 0-1: Sneijder nella doppia gabbia

Più ancora di Milito ed Eto’o, la scorsa stagione l’uomo chiave è stato - a mio modesto avviso - Sneijder. Il quale s’è rivelato un fuoriclasse. Ma con un vantaggio decisivo: nessuno lo conosceva davvero; era una specie di Ufo, un mezzo fallimento scartato dal Real Madrid. Quando esordì nel derby d’andata, sbalordì tutti: e questo da dov’è arrivato? Dopodiché, un favoloso mondiale, il matrimonio e il calo di forma, l’infortunio, e adesso la condizione atletica che stenta a tornare. Ma il vero problema di Sneijder e dell’Inter è che gli altri allenatori hanno capito alla perfezione come gioca Wesley, e come va imbrigliato. Gli piazzano due uomini sui piedi, e la gabbia è fatta. A centrocampo, l’Inter ha perso la luce, l’aria, la fantasia, il cambio di ritmo. Perché Sneijder non c’è più. Ieri sera, Van Gaal ha stravinto sulla mediana, stritolando l’olandese e, di riflesso, l’Inter.

La soluzione? Duplice.

1) In tre settimane, prima del ritorno a Monaco di Baviera, tornare scintillante dal punto di vista atletico.

2) Avvicinare Thiago Motta (o Kharja) a Sneijder, rimettendo Cambiasso davanti alla difesa. Se sei un pugile e l’avversario ti paralizza il gancio destro (Sneijder), devi lavorare per l’uppercut di sinistro (Thiagone o Kharja). Mi spiace, ma l’errore di Leonardo col Bayern è stato evidente: lasciare Wesley da solo là in mezzo. Una considerazione che avrei fatto con un altro punteggio.

Se proprio devi essere eliminato in Germania, giocatela con un centrocampista di qualità (ok anche Kharja) e Sneijder vicini: consenti all’olandese di stare in campo senza l’oppressione dei mediani avversari riservata solo a lui. Fai che un altro (come Kharja) alleggerisca il peso di Wesley. E anche l’olandese, almeno per una notte, potrebbe tornare a splendere.                                                                                                                                                                                                                                                                                                

Nessun commento:

Posta un commento