Cerca nel blog

domenica 9 maggio 2010

Inter-Chievo 4-3. Le pagelle dei nerazzurri. Maicon il migliore

Julio Cesar 6. Incolpevole sulle tre reti: un autogol di Thiago Motta, un tiro deviato da Granoche e una bordata da pochi metri di Pellissier. Ma non fa miracoli.

Maicon 8. Assist a Cambiasso e Balotelli. Grande spinta costante. In stile Inter-Barcellona e Inter-Juve.

Materazzi 5. Svagato, lento. Sbaglia un paio di appoggi. Non prontissimo sull'errore di Zanetti che offre palla a Pellissier. M'è parso stanco per la finale di coppa Italia.

Samuel 6. Oggi non proprio un muro. Impreciso nei passaggi.

Zanetti 6. In fase difensiva, sulla fascia sinistra, se la cava benone. Quasi sempre, dà il suo onesto contributo in costruzione; però lancia Pellissier in rete per il 4-3 definitivo, facendo la frittata con Materazzi.

Cambiasso 7. Il cervello applicato al calcio. Dove cade la palla, lì c’è l’argentino. Bello il gol del 2-1, di sinistro al volo sul palo lontano.

Motta 6. Palleggi raffinati a centrocampo. Ci prova di testa senza successo. Se la partita è offensiva, si trasforma in uno dei centrocampisti più efficaci del pianeta. Se serve difendere, è lunatico. A Milano col Barcellona fece faville, in altre occasioni balbetta. È suo l'autogol, ma senza colpe.

(Muntari 6. Rincorre tutti a centrocampo).

Stankovic 7. Un ritorno di forma che potrebbe regalargli la maglia di titolare al posto di Thiago Motta (squalificato) nella finale Champions di Madrid. Un missile di destro sulla traversa e un altro di sinistro che il portiere del Chievo, Sorrentino, respinge coi pugni.

Eto'o 7. Dà l’esempio a tutti andando in pressing e, all’occorrenza, facendo il terzino.

Balotelli 7. Pallonetto delizioso su passaggio di Maicon. Si giocherà la maglia di titolare con Pandev per Inter-Bayern.

(Pandev 5. Prende un palo quasi a porta vuota. Non riesce a chiudere un triangolo impappinandosi. La sua condizione atletica mi lascia qualche dubbio). 

Milito 7,5. Implacabile. Di destro, di sinistro, di testa. Contro il Chievo, una prodezza che non gli avevo mai visto fare: cucchiaio dal limite, suppure leggermente deviato da un difensore, e gol del 3-1.

[foto via Inter]

Nessun commento:

Posta un commento