Cerca nel blog

domenica 18 novembre 2012

Stramaccioni, benvenuto nel mondo Inter!



Questa è storicamente l'Inter, una squadra contro il potere, che ha sempre vinto tutto da sola. In caso di dubbio, hai il fischio contrario. È successo con la Juve, con l'Atalanta, e appena due minuti fa con il Cagliari. Sono fischi che ti cambiano non la partita, ma la stagione addirittura. Ho visto negli occhi di Strama la rabbia per il fischio mancato. Che però è arrivato al termine di una gestione della partita dell'arbitro disastrosa, con falli invertiti a centrocampo e cartellini gialli a quelli del Cagliari dimenticati nel taschino. Non è malafede. È questione di peso specifico dell'Inter rispetto a quello della Juve: pressione mediatica, condizionamenti ambientali.

È un'impressione da tifoso, quindi vale quel che vale, ossia nulla: l'arbitro è stato indisponente, tendeva a innervosire, a prescindere dall'episodio finale. Ha usato sette metri di misura per i falli e per i gialli: perché? Ha ammonito Cambiasso al primo falletto e Conti al quinto fallo: perché? Ha permesso una quantità industriale di falli tattici al Cagliari, a spezzare ogni azione: perché?

Si dovrebbe dare la possibilità agli arbitri di parlare: come hai fatto a non vedere un rigore grosso come una casa? Che cosa hai visto quando Ranocchia è caduto? Quali leggi della metafisica hai applicato per giudicare regolare uno sgambetto in area? Se c'è Ranocchia fra pallone e difensore, come fa il difensore a prendere il pallone? Boh? La foto in alto mi pare eloquente.

Che poi l'Inter dovesse schiacciare gli avversari e vincere facile, questo è un altro discorso. Ma non è una squadra in grado di premere sempre sull'acceleratore, e in difesa si balla.

Questi sono arbitri e guardalinee e quarti uomini e giudici di porta con l'Inter. Benvenuto nel mondo Inter, Strama! A lui (o alla società?) la scelta: fare come Mourinho, e dire la verità ogni santa conferenza stampa, atteggiamento che almeno carica l'ambiente; oppure seguire il basso profilo, con gli arbitri che ti fanno quei lavoretti...

Nessun commento:

Posta un commento