Cerca nel blog

domenica 5 febbraio 2012

Inter: terzo posto? Serve un miracolo

Dopo una storica scorpacciata di titoli, dopo la tripletta irripetibile del 2010, dopo la mini tripletta della stagione scorsa, quest’anno l’Inter resterà a bocca asciutta, come facilmente prevedibile. I cicli storici devono finire, e il tramonto dei campioni nerazzurri è palese. Il problema però è un altro: qui si rischia seriamente di restare fuori dalla zona Champions, visto che attualmente Udinese, Napoli, Roma e Lazio sono superiori all’Inter. Milan e Juve non le considero perché due spanne sopra di noi.

I guai veri l’Inter li ha in mezzo al campo: senza Thiago Motta, nessuno sa davvero impostare trame offensive. L’unica soluzione è arretrare il raggio d’azione di Sneijder, e fargli fare un po’ da playmaker. Alvarez è troppo lento per chiedergli di costruire gioco, Palombo è un incontrista, Poli e Obi idem. Cambiasso fatica a tenere ritmi alti.

Risultato: basta un accenno di pressing avversario al limite della nostra area di rigore, e l’Inter va nel panico. Ormai gli allenatori delle altre squadre lo sanno e puntualmente ci stritolano laddietro.

Presentarsi in queste condizioni psicofisiche al match di Champions contro il Marsiglia significa prendere una barca di gol. Ma forse, a questo punto, sarebbe auspicabile un’eliminazione agli ottavi: per reggere il doppio impegno coppa più campionato, serve ben altra rosa.


1 commento:

  1. Con un'Inter in questo stato può succedere di tutto. Per fortuna con il Lecce a 19 punti e la quota salvezza distante solo 4-5 punti non dovremmo correre particolari rischi di retrocessione.

    RispondiElimina