domenica 2 agosto 2015

Follia Fognini: battibeccare con Nadal e risvegliare l’orgoglio di Rafa

Non ho mai dato peso ai comportamenti in campo di Fognini: non m’interessano. Per quanto mi riguarda, lo ammiro sotto il profilo tecnico, lo reputo un ottimo giocatore per tornei di media importanza; e in Italia questo è quanto passa il convento fra i maschietti, sicché occorre accontentarsi. Può pure mettersi a litigare con gli dei: osservo come si sviluppa l’incontro, non ascolto i suoi monologhi. Pur tuttavia, oggi, per la prima volta, mi permetto di fargli un piccolo appunto. Ha disputato la finale di Amburgo contro Nadal, e - perso il primo set - aveva il secondo in pugno. Non solo: quello di qualche minuto fa sul rosso tedesco era la controfigura di Rafa. Non spingeva molto, specie di rovescio. Ha più volte ciccato la pallina di dritto. È stato lontanissimo dalla rete. Non aveva sensibilità sulle palle corte. Un tennista della statura di Fognini poteva batterlo, specie insistendo nella diagonale dritto del maiorchino contro rovescio dell’italiano. A mio giudizio, sul finale del secondo set, Nadal era al 50% delle sue forze fisiche. Se Fabio lo avesse portato al terzo e decisivo set, avrebbe avuto serie chance di strappargli la finale. Ma proprio in quel momento, Fognini ha commesso l’errore più colossale della sua buona carriera di tennista nei tornei due su tre (negli Slam non ha le qualità atletiche per sfondare).

Cosa è successo? Fognini poteva bestemmiare contro le sorelle dei giudici di linea, poteva spaccare la racchetta per terra, poteva rotolarsi in preda a un raptus, poteva mordere l’arbitro, poteva scontrarsi con gli uomini del proprio angolo. Insomma, poteva fare di tutto, tranne quello che ha fatto. Ha battibeccato con Nadal. Lo ha stuzzicato, punzecchiato, un po’ ferito. Anche il linguaggio del corpo è stato antipatico: Fabio in piedi e Rafa seduto a dirgli di tornare al proprio posto. Il motivo della contesa verbale ha valore zero. È che Nadal in quel preciso istante - in quel contesto, sotto nel punteggio e con le pile scariche -, andava lasciato lì nel suo brodo a macerarsi. Invece, Fognini gli ha dato contro. Ha insistito. Ha svegliato il cane che dormiva. E l’iberico ha pescato dal profondo del pozzo, dentro di sé, le restanti energie nervose e le ha scaricate negli ultimi colpi in campo. Rafa ha cambiato sguardo, ha anche alzato il volume degli urli a ogni colpo. Ci ha messo la cattiveria. Fabio invece s’è afflosciato su se stesso, pareva intimorito dal vigore agonistico del maiorchino. Risultato: 2-0 per Nadal.

Se ti chiami Sampras, Federer, Borg, Lever, se sei uno dei migliori di ogni epoca, allora puoi anche permetterti di sfruculiare un mostro sacro come Nadal. Che verrà ricordato come il numero uno di tutti i tempi sul rosso. Altrimenti, se non sei attrezzato sotto il profilo psicologico a reggere l'urto e la reazione dell'avversario, ti ritorna tutto indietro come un boomerang. Così è stato.

sabato 11 luglio 2015

Wimbledon: riuscirà Federer a uscire dalla trappola mortale del rovescio incrociato di Djokovic?

Il rovescio bimane di Djokovic ha rivoluzionato il tennis moderno. Con i destrorsi, nella diagonale di rovescio, il serbo è inarrivabile. Tira più profondo e preciso di Borg. Ha maggiore resistenza fisica rispetto ad Agassi. Riesce ad angolare di più rispetto a Murray. Con quell’arma, Nole sventra gli avversarsi: si apre il campo da quel lato, poi entra e sfonda. Ha un rovescio così potente e chiurgico, da tenere il ritmo addirittura contro i mancini: è la chiave delle vittorie contro Nadal, che nella diagonale dritto contro rovescio dell’avversario ha costruito tutte le sue vittorie. 

Questo diabolico colpo è stato la soluzione vincente nel quinto set della finale di Wimbledon del 2014: Federer negli ultimi 20 minuti è caduto nella fossa dell’angolo sinistro, e non è più riuscito a uscirne. Perché stremato sotto il profilo nervoso, prim’ancora che fisico: Roger aveva speso tantissimo per la rimonta da 0-2 nei set. La stessa diagonale di rovescio sarà l’aspetto fondamentale della finale di domani, che mette davanti il più grande tennista di ogni epoca, lo svizzero (a mio giudizio il più eccezionale atleta di qualsiasi sport), contro il più forte del mondo. 

Questione di sensibilità e confidenza: re Roger dovrà alternare rovesci piatti a colpi in back, ma soprattutto usare a sorpresa il rovescio lungolinea per uscire dalla trappola mortale. Compito difficilissimo, visto che da quando Djokovic ha perso il secondo set contro Anderson è stato perfetto: come se si fosse svegliato d’improvviso, come se avesse acquisito maggiore sicurezza e consapevolezza. Come se lo spavento per essere giunto a un millimetro dal burrone lo avesse reso ancora più esplosivo e reattivo.

Un’ultima considerazione, molto personale. Il tennis è uno sport giusto: vince il migliore. Sì, esiste il doping, ma la questione, ormai, riguarda anche le gare di ciclismo di paese dove per aggiudicarsi un prosciutto si presentano al via pedalatori pieni di immondizia nelle arterie. Dicevo: uno sport giusto. Pur tuttavia, la finale di domani vede un Federer vecchio, in parabola discendente, dinnanzi a un Djokovic nel pieno della carriera. La contesa non sarà equilibrata per questioni anagrafiche. A pari età, come dimostra la finale del 2012, Roger spacca in mille pezzi Nole: a Wimbledon, sul veloce. E lo batte pure sul rosso. Con l’elvetico sul viale del tramonto e il serbo in ascesa, è quest’ultimo a essere strafavorito e a dover assolutamente vincere.

sabato 14 febbraio 2015

La lunga maratona di Repubblica.it: politici, poveri cicci

Repubblica.it titola: “Riforme, la lunga maratona notturna”.

Primo. La maratona è lunga per definizione. O è una maratona, o non lo è. È un po’ come dire un grattacielo alto. Un gigante enorme. Un puffo basso. 

Secondo. Noto che Repubblica.it è schierata dalla parte di questi politici. Il motivo? Lavorano. Ullalalà. Poveri cicci. C’è pure la foto di una politica che mangia cioccolatini per farcela. Oh santiddio: sta lavorando. Riuscirà mai a non addormentarsi? Come possiamo aiutarli? Magari con una donazione online? Coraggio Repubblica.it, vedrai che ce la faranno pure stavolta.

C’era una volta Repubblica. Un quotidiano coi controcazzi. Che rifilava ceffoni ai politici. Tagliente, lucida, accattivante. Un quotidiano che t'insegnava anche a scrivere. Quella Repubblica è morta e sepolta. La lunga maratona di Repubblica accanto a questi politici, specchio di un Paese ai margini dell’Europa.

sabato 17 gennaio 2015

Diritto d’autore su Internet, Facebook, Twitter: intervista all’avvocato Marisa Marraffino

Lo Studio legale Marraffino si occupa di diritto penale, con particolare riferimento ai new media e privacy. Per questo, faccio una chiacchiera con l’avvocato Marisa Marraffino, esperta di diritto d’autore su Internet, Facebook, Twitter.
Per contattarla.
E-mail: marisa.marraffino@gmail.com 
Sito: http://www.studiolegalemarraffino.com

Marisa, se io pubblico una vignetta, una foto, un testo su Facebook o Twitter, chiunque può usarli?
Assolutamente no. Pubblicare foto e contenuti su Facebook e Twitter non autorizza terze persone a utilizzare il nostro materiale senza consenso perché la legge sul diritto d’autore lo vieta (legge 633 del 1941). Diamo, però, una licenza d’uso non esclusiva ai social network che potranno utilizzare il nostro materiale finché siamo iscritti a quel determinato social. È chiaro che l’autore della foto deve sempre esprimere il proprio consenso affinché altre persone possano utilizzarle, soprattutto se per finalità commerciali. Non è neppure necessario che accanto alla foto siano presenti note o simboli di copyright, salvo che il titolare espressamente ne autorizzi la libera riproduzione. In particolare, l’autore ha il diritto esclusivo di utilizzare economicamente le proprie foto (anche per 70 anni oltre la morte), mentre il diritto morale d’autore è addirittura imprescrittibile, inalienabile e intrasmissibile. Significa che la paternità dell’opera deve essere sempre riconosciuta, indicando in ogni caso almeno il nome dell’autore.

C’è un benedetto precedente a favore di chi ha pubblicato una vignetta, una foto, un testo su Facebook o Twitter?
C’è stato un caso importante di un fotografo professionista di Haiti, Daniel Morel, che aveva pubblicato su Twitter alcune foto del famoso terremoto del 2010. Due importanti agenzie di stampa, AFP (France-Presse) e Getty Images, scaricarono le foto e le misero in vendita. Le due agenzie sono state condannate dal tribunale di New York a risarcire i danni subiti dal fotografo (stabiliti dal giudice in 1,2 milioni di dollari), sulla base del principio che “le fotografie pubblicate sui social network non possono essere sfruttate commercialmente, in assenza di accordi con l'autore” (sentenza del tribunale di New York, Giudice Alison J. Nathan, del 14 gennaio 2013). Il principio vale anche per la normativa italiana. Quando poi la foto riguarda ritratti fotografici entra in gioco anche la legge sulla privacy, per cui la persona ritratta può chiedere la rimozione della foto che è stata pubblicata senza il suo consenso. In Italia, ci sono già molte sentenze in questo senso. Di recente, il Tribunale di Napoli ha ordinato a una moglie che si stava separando dal marito  di rimuovere le foto di quest’ultimo pubblicate su Facebook senza il suo consenso (ordinanza del 31 luglio 2014 n. 12749). In questi casi, vale il principio giuridico che il permesso a farsi scattare la foto non equivale al consenso alla relativa pubblicazione. 

Voglio far causa a qualcuno che, senza averne diritto, ha usato una vignetta, una foto, un testo che ho pubblicato su Facebook o Twitter: mi conviene o è tempo perso?
Se la foto, la vignetta o il testo è stato pubblicato senza il consenso dell’autore, allora posso in primo luogo inviare una diffida (meglio se mediante raccomandata con avviso di ricevimento)  alla persona che ha pubblicato i contenuti senza il mio consenso, chiedendogli sia di rimuoverli sia di risarcire l’eventuale danno subìto. Se l’autore rifiuta di farlo o non risponde, posso sempre adire il tribunale con un ricorso d’urgenza per il tramite di un avvocato. In questo modo, posso ottenere in termini rapidi la rimozione della foto e poi chiedere l’eventuale risarcimento del danno. Se il pregiudizio subìto è importante, sicuramente vale la pena tutelare i propri diritti nelle sedi opportune, soprattutto quando l’autore della violazione è identificato e/o identificabile. 

domenica 16 novembre 2014

Divinamente Roger Federer: batte Wawrinka in tre mosse e vola in finale contro Djoikovic al Masters di Londra

Cominciamo dallo sconfitto: Wawrinka. Che cosa rimproverare a chi esce perdente al tie break del terzo e decisivo set? Niente. Stan è stato perfetto sotto ogni punto di vista. Il guaio è che, talvolta, se si raggiunge l’apice del proprio tennis, questo non basta ad avere la meglio su Federer. Il quale si conferma il più grande di ogni epoca, portandosi a casa quello che, a mio avviso, è stato uno dei match più duri della sua inimitabile carriera. Non mi riferisco tanto alla qualità tecnica dell’incontro; ma alla tensione palpabile nei momenti chiave della partita. Un numero su tutti: re Roger ha dovuto annullare addirittura quattro match point. Coraggiosa e segno di una classe sconfinata la scelta di attaccare in continuazione Wawrinka durante il tie break, andando a vincere gli ultimi punti con tocchi di volo di una delicatezza sconfinata.

Un Federer che ribadisce il proprio status di fuoriclasse gentiluomo: a fine partita, nessun urlo da cavernicolo. E durante l’intervista all’interno di quel meraviglioso palazzetto di Londra, ha nominato tre volte la parola “fortuna”. Che, ci mancherebbe, ricopre un ruolo fondamentale in ogni incontro tiratissimo del genere; ma che va stuzzicata e carezzata in modo adeguato affinché ti soffi alle spalle. E Roger l’ha fatto, in tre mosse.

Primo. Ha evitato di scaldare eccessivamente il colpo meno forte di Wawrinka, il dritto, andando a pescarlo solo nei momenti chiave.

Secondo. Ha chiamato a rete Stan con un back bassissimo sul rovescio dell’avversario, costringendolo a muoversi in avanti (Wawrinka non è un felino negli spostamenti verticali), e imponendogli di non sbracciare: sull’approccio morbido, Stan non è un fenomeno.

Terzo. Nel servizio da destra, ha picchiato durissimo di slice profondo sul dritto di Wawrinka, appena si accorgeva di un minimo spostamento del connazionale verso sinistra.

La cronaca gelida, che non dà la misura della smisurata bellezza dell’incontro.

Federer-Wawrinka 4-6; 7-5; 7-6.

Wawrinka parte fortissimo, fino al 5-2, e si aggiudica il primo set con pieno merito. Federer appare un po' bloccato nel servizio, quasi fosse dolorante alla schiena.

Nel secondo set, Stan balbetta a rete nel momento cruciale: volée e smash sbagliati e si va al terzo. 

Wawrinka s’invola sul 2-0. Poi 5-3. Quindi 5-4 e servizio Stan. Qui il match diventa straordinariamente emozionante: un decimo gioco devastante sotto il profilo mentale, che dura oltre 11 minuti. Wawrinka brucia un match point, se ne mangia un altro colpendo malissimo di volo col baricentro all’indietro, poi sbaglia sul terzo. Si va sul 5-5 con Federer che diventa incisivo di rovescio. Ancora Stan con Roger al servizio: 15-40. Recupera Federer: 6-6.

Tie break. Subito mini break per Federer, poi due mini break per Stan: 6-5 e quarto match point, con Roger al servizio. A questo punto, il re decide che si deve chiudere tutto a rete, e trionfa dopo tre ore di tennis paradisiaco.

Alla fine della semifinale Atp di Londra, la cosa più bella dell’incontro: l’abbraccio fra i due, che immortalo nella foto.

Chiudo con una constatazione sulla superficie dove si svolgono i Masters: è la soluzione ideale per giocare a tennis, veloce il giusto, dove viene premiato il più forte. Senza devastare muscoli e tendini degli atleti. Dovrebbe essere estesa a qualsiasi torneo del pianeta. Pessimi invece i giudici di linea: errori a ripetizione, specie stasera. Il fatto è che sbagliano un po’ per tutti: non come nel calcio, dove c’è una certa squadra misteriosamente fortunata, con errori sempre a favore…